Archivio della categoria: Don Giuseppe oggi

Natura dell’Opera

Il genere di vita richiesto dalla natura di quest’Opera di istruire ed educare i sordomuti domanda persone crocifisse al mondo e alle quali il mondo sia crocifisso, persone che,spogliate di ogni amore a sé stesse, siano animate dalla sola carità di Gesù Cristo fino al sacrificio occulto, costante che non cerca alcun terreno compenso. Continua a leggere »

opera di zelo sacerdoltal

È se opera di zelo sacerdotale non possiamo aspirare a renderla opera degna di zelo apostolico in giusta che si debba fare ogni sforzo perché i sordomuti abbiano perpetuamente il loro missionario, di modo che, come nella Chiesa, fino alla consumazione dei secoli, vi saranno dei sacerdoti che zeleranno la salute delle anime in generale, vi sia in particolare per ... Continua a leggere »

È opera da sacerdote

Perché facciamo questo bene ai sordomuti? È opera da sacerdote. Chi ci mette dentro a lavorare può dire di fare cosa gradita a Dio e così raggiungere il doppio fine per cui siamo venuti al mondo: la gloria di Dio e la salvezza dell’anima propria. Continua a leggere »

L’apostolato dei sordomuti

L’apostolato dei sordomuti, come da fonte viva, deve trarre vitalità dall’apostolato dei successori degli apostoli e primi ministeri della Chiesa redentrice…., e quella lode che uscirà come primizia dalla bocca dei sordomuti sarà la più perfetta e piacente all’Altissimo. Continua a leggere »

A Don Cesare

La società civile penserà e farà per i sordomuti, ma non farà già quanto è necessario fare e, quel che è peggio, con quale spirito e con quale fine opererà per loro? Così diceva il nostro Arcivescovo Mons. Battaglini la penultima volta che è venuto a visitare il nostro Istituto concludendo che è ben interessante fare che quest’Opera sia presa ... Continua a leggere »